Attenzione non cercate di montare i dischi virtuali mentre Qemu/KVM lista utilizzando, pena possibile corruzione del filesystem!!!

 

 

RAW image
Visto che Linux e altri Unix-link possiono montare facilmente immagini create/convertite nel formato raw (grezzo) effettuare un mount sul loopback device con un offset di 32256:

# mount -o loop,offset=32256 image_name.raw  /mnt/vdisk/

E' possibile convertire il formato qcow2 in formato grezzo, la converisone comporta la creazione di un immagine a grandezza reale del disco utilizzato visto che con qcow2 i dischi sono ad espansione dinamica.

# qemu-img convert -f qcow2 image_name.qcow2 -O raw image_name.raw

poi si monta l'immagine grezza  del disco come sopra.
Nota: il paramentro offset è necessario per lavorare sulle partizioni del disco!


QCOW2 image

Se si ha un kernel 2.6.26 o più (Debian Lenny ad esempio) e necessario verificare o caricare il modulo nbd (network block device):

# modprobe nbd max_part=8
Importante: "max_part" serve ad accedere alle partizioni del disco (massimo 8 in questo caso), se si tralascia l'attributo max_part, le partizioni non saranno supportate, sarete in grado di accedere al disco,ma non si avranno nodi di dispositivo per nessuna delle partizioni se esistenti sul disco. (part1 part2 part3 etc...)

Assumendo un immagine qcow2 image_name.qcow2:
# kvm-nbd --connect=/dev/nbd0 image_name.qcow2    (oppure qemu-nbd)

Ora è possibile controllare la tabella delle partizioni:
# fdisk -l /dev/nbd0

e montare ad esempio la prima partizione trovata::
# mount /dev/nbd0p1  /mnt/vdisk

You have no rights to post comments

Loading feeds...

Logo Design Company