LibreOffice Online, la sfida con Office si sposta sulla nuvola

LibreOffice Online sarà la prima soluzione libera per la produttività personale sul cloud, con probabile data di pubblicazione nel 2016! Sarà a detta degli sviluppatori un’appl cloud “all’avanguardia”, ponendosi come alternativa a soluzioni proprietarie quali Google Docs, Office 365

The Document Foundation ha annunciato infatti LibreOffice Online, realizzato insieme a IceWarp e Collabora. Lo sviluppo di LibreOffice Online è iniziato nel 2011, con la disponibilità di una "proof of concept" del client, basato su tecnologia HTML5.

La "proof of concept" verrà trasformata in un'applicazione cloud, che è destinata a diventare l'alternativa libera a soluzioni proprietarie come Google Docs e Microsoft Office 365, la prima a supportare in modo nativo lo standard Open Document Format (ODF).

“LibreOffice è nato con l’obiettivo di sfruttare l’eredità storica di OpenOffice per costruire un ecosistema solido capace di attrarre gli investimenti fondamentali per l’ulteriore sviluppo del software libero“, (Italo Vignoli, unico italiano tra i fondatori di The Document Foundation)

Aspettiamo con ansia qualcosa di usabile nei nostri miniserver casalinghi!

Debian 8 Jessie, data di rilascio prevista per il 25 aprile

Debian 8 Jessie sta per essere rilasciato in versione stabile, ed il giorno prefissato per il rilascio ufficiale sarà sabato 25 aprile 2015!

la notizia apparsa nella mailing list degli sviluppatori, che oltre a comunicare l’imminente rilascio della nuova versione di Debian, ci fa anche sapere che l’update porterà con se oltre alla correzione di molti bug anche un nuovo gestore devi avvii Systemd, il supporto all’UEFI Secure Boot ed il supporto alle architetture arm64 e ppc64e.

debian8

Debutteranno anche le nuove repository MATE e Cinnamon, saranno inoltre aggiornate anche GNOME alla versione 3.14, KDE alla vesione 4.14.2, MATE alla versione 1.8.1, Cinnamon alla versione 2.2.16 e XFCE alla versione 4.10.0. Aggiornamenti in arrivo anche per il Kernel Linux che giunge cosi alla versione 3.16, a LibreOffce alla 4.3.3, Iceweasel alla 31.5.3 e molti altri software.

Quindi il prossimo 25 aprile oltre ad essere l’anniversario della liberazione d’Italia, sarà anche festa grande per tutti gli amanti del mondo Open Source, Linux e della Distro Debian.

Fonte

F-Droid una piacevole sorpresa sul mio smartphone!

Fonte: Alcune parti integrali di questo articolo sono tratte da it.wikipedia.org/wiki/F-Droid

F-Droid
è un catalogo (repository) di applicazioni esclusivamente Free e Open Source per Android
Sia il client di F-Droid che la parte lato server sono software libero e ne consegue che chiunque è libero di creare un proprio repository aggiuntivo, F-Droid nasce da un riadattamento di Aptoide

Prima di tutto F-droid deve essere scaricato dal sito ufficiale e non è presente sullo Store di Google:
A causa di una restrizione nei termini e condizioni, all'interno di Google Play non vi possono essere applicazioni che gli "competano".

F-Droid, se confrontato a Google Play, presenta diversi punti di forza:
F-Droid scarica l'elenco delle applicazioni disponibili da vari repository, segnalando regolarmente gli aggiornamenti disponibili. Normalmente il repository preimpostato è quello ufficiale gestito dalla comunitá di F-Droid, contenente esclusivamente software libero.

Anonimato

Per l'utilizzo di F-Droid non è richiesta alcuna forma di registrazione, basta installare il client dal sito web ufficiale.

Anti-funzionalità
Poiché il codice sorgente di tutte le applicazioni è sempre disponibile, F-Droid è in grado di avvertire l'utente a priori se una data applicazione contenga pubblicità o se si basi su servizi di rete non liberi o su software proprietario (ovvero se potrebbe svolgere attivitá indesiderate non verificabili). Queste funzionalitá, solitamente non gradite, sono chiamate anti-funzionalitá (anti-features in lingua Inglese).

Comunità e sviluppo
Gli utenti di F-Droid sono invogliati a partecipare attivamente allo sviluppo delle singole applicazioni grazie al fatto che ogni applicazione riporta esplicitamente come mettersi in contatto con chi mantiene il software, come segnalare idee o problemi, come effettuare donazioni e dove studiare e migliorare il codice sorgente.

Catalogo offline
L'elenco e i dettagli delle applicazioni disponibili è salvato sul proprio dispositivo. Ció consente di sfogliare il catalogo delle applicazioni senza una connessione a Internet.

Retro-compatibilità
Per ogni applicazione si tiene traccia anche dei vecchi aggiornamenti, lasciando la possibilitá di retrocedere di versione. Se si desidera è inoltre possibile installare applicazioni che, in teoria, risultano incompatibili con il proprio dispositivo per poterle testare ugualmente. È altresí possibile installare versioni sperimentali distribuite a scopo di debugging.

Sicurezza
Per la maggior parte delle applicazioni presenti (tutte quelle la cui versione è categorizzata dall'etichetta "source") F-Droid garantisce che esse siano state compilate direttamente a partire dal codice sorgente. Ciò garantisce che il codice sorgente riportato pubblicamente sia effettivamente funzionante e, soprattutto, permette di essere certi che non vi siano state inserite anti-funzionalitá aggiunte in un secondo momento attraverso manipolazioni intermediarie (cosa che potrebbe invece verificarsi per le applicazioni open source presenti sul Play Store, dove l'applicazione è compilata e caricata da parte dello sviluppatore e potrebbe cioè non rispecchiare il codice sorgente proposto).

Condivisione
Ogni applicazione è condivisibile tramite Bluetooth e Wifi realizzando un repository locale "al volo"

 

-- Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo --

Loading feeds...

Logo Design Company